Amministrazione Trasparente
Albo pretorio online
AVCP
Accessibilità siti web
Dichiarazione Accessibilità sito web
Obiettivi Accessibilità sito web
Segnalazioni problematiche accessibilità
Rendicontazione Sociale a Scuola

Privacy Istituto

Ufficio Relazioni Pubblico
Elenco siti tematici

Agenda

Ultimo mese Dicembre 2022 Prossimo mese
L M M G V S D
week 48 1 2 3 4
week 49 5 6 7 8 9 10 11
week 50 12 13 14 15 16 17 18
week 51 19 20 21 22 23 24 25
week 52 26 27 28 29 30 31
Nessun evento

Statistiche

UCRAINA, TOCCA A NOI

stopwar

Gli studenti del Lotti-Umberto I di Andria hanno vissuto con grande partecipazione un toccante incontro con alcuni profughi dell'Ucraina, appena arrivati in Italia.
Bandiere di tutti gli stati del mondo realizzate dagli studenti con la parola PACE nella lingua di ogni stato rappresentato; emozioni forti e parole di conforto e di vicinanza che hanno trovato spazio su un enorme cartellone preparato dai ragazzi, palloncini gialli e blu a rappresentare il colore della bandiera dell’Ucraina, canzoni a tema: tutto questo ha fatto da sfondo ad un commovente incontro che si è tenuto nell'anfiteatro all'aperto della sede centrale dell'Istituto sul particolare momento storico che si sta vivendo. Docenti ed alunni del Lotti-Umberto I hanno accolto 7 profughi fuggiti dalla città di Char'kov, in Ucraina.


Oscar, Slata, Marcel, Mascia e le loro mamme, accompagnati dal signor Giulio Cipriani, imprenditore ruvese trapiantato per lavoro a Char'kov, hanno raccontato, non trattenendo le lacrime, la loro triste vicenda: dall’improvviso attacco russo, alla rocambolesca fuga; dal lunghissimo viaggio, all’arrivo in Italia. Le storie e le parole, con la potenza della loro verità, hanno trasmesso ai presenti il grande coraggio del popolo ucraino nella loro battaglia per la libertà e per la democrazia.

ucraina1Il coraggio delle mamme, un’architetto, una psicologa e una imprenditrice, che all’improvviso hanno dovuto lasciare la vita tranquilla che conducevano, l’appartamento elegante nel quale vivevano, il lavoro, i risparmi, i figli maggiori, i mariti e sono fuggite con i figli più piccoli chiudendo il loro passato in un solo trolley e vedendo improvvisamente “la neve bianca macchiarsi di rosso sangue e buche enormi, grandi come questo anfiteatro, al posto delle case rase al suolo”
Il coraggio del sig Cipriani che ha portato con sé i profughi aiutandoli in tutte le fasi del loro trasferimento tra mille peripezie. E ne aspetta altri in arrivo nei prossimi giorni.
Il coraggio dei figli, senza più amici, amori, sogni, che hanno visto svanire un avvenire già programmato. Oscar era pronto per frequentare a Vienna un’università prestigiosa e Slata vuole fare la ballerina.
Alla domanda “come possiamo aiutarvi” Oscar ha risposto “Con un’informazione corretta, con aiuti economici per sostenere le associazioni di volontariato e purtroppo anche con le armi. La nostra resistenza è fortissima. Preferiamo morire, ma non arrenderci”.
Una lezione di coraggio, un coraggio che, come hanno affermato i ragazzi, viene da una parte sola: “dall’idea che abbiamo di noi stessi e della vita, del Paese in cui siamo nati, dall’idea che abbiamo della sua storia e di ciò che è accaduto prima di noi, dal desiderio di vivere da uomini liberi”.
Il Dirigente del Lotti-Umberto I, il prof. Pasquale Annese, dopo aver ringraziato l’assessore alle politiche sociali del Comune di Ruvo Nicola Curci per aver contribuito alla realizzazione dell'incontro con i profughi ucraini, ha concluso chiedendo ai presenti di riflettere sulle testimonianze ascoltate perché sono la concreta dimostrazione di come i tempi che si stanno vivendo possono mutare repentinamente gli scenari, le idee, i fatti che credevamo consolidati.

ucraina2“Di giornate belle in questi anni ne abbiamo vissute tante – rimarca Annese -, ma questa ha avuto un sapore particolare. Lo sconforto e la rabbia nel vedere le madri ed i loro figli doversi separare dai loro affetti, dalla loro casa, da tutto quanto faticosamente costruito in una vita intera, si è però mescolato con la 'bellezza' dei loro volti e la 'determinazione' delle loro parole nel voler strenuamente riappropriarsi (anche con la forza), della loro patria, della loro identità, della loro libertà, così vigliaccamente deturpate. Ho visto i nostri ragazzi in coda per abbracciare I loro coetanei ucraini e commozione nei loro volti. Sicuramente una giornata che avrà segnato per sempre le loro vite, e forse anche le nostre”.

Alla fine dell'incontro il Lotti-Umberto I ha offerto agli ospiti ucraini vino, olio ed altri prodotti dell'azienda agricola dell'istituto, mentre i ragazzi hanno raccolto una somma di denaro da devolvere a favore della popolazione ucraina.

 

SEDE ITA - UMBERTO I

ucraina3

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

Decreti, Direttive e Circolari CoronaVirus
Decreti, Direttive e Circolari CoronaVirus

Orientamento Professionale
Orientamento Scolastico Professionale

Orientamento Turistico
Orientamento Scolastico Turistico

Orientamento Agrario
Orientamento Scolastico Agrario

Dati cabina metereologica
Dati cabina metereologica
Account Instagram Istituto
Account GSuite Istituto
Canale Youtube ufficiale dell'Istituto
Avanguardie Educative
Portale Alma Diploma

Corso Enotecnico
Corso di Specializzazione in Enologia

Build your School, shape your future

PROGETTI FSE-FESR

Portale Alternanza Scuola/Lavoro

Eicenter Certipass
Test Center ECDL

Scuola in chiaro

La nostra Scuola in Inglese
La nostra Scuola in Inglese
Registro elettronico Docenti
Registro elettronico Famiglie
Unità Didattiche di Apprendimento

Trinity College

Il Coding

Test Center Cert-Lim AICA
ITS Agrari
Portale Comenius
Portale PON F3
Progetto IeFP

Inclusione scolastica

Portale Impresa Formativa Simulata

Piano Triennale dell'Offerta Formativa

Rapporto di Auto Valutazine

Piano di Miglioramento

Progetto giornalino scolastico

Portale click lavoro

Portale Esami di Stato (MIUR)

Orienta Lavoro Giovani

Scuola in Sicurezza

Partner dell'istituto